Le malattie esantematiche: la varicella



La varicella è' provocata da un virus molto contagioso, chiamato Varicella Zoster o VZV, della famiglia degli Herpes Virus e colpisce principalmente i bambini tra i 5 e i 10 anni, ma mamma e papà state attenti se non avete già auto la varicella da piccoli o non siete stati vaccinati: il vaccino contro la varicella, infatti, dà copertura per tutta la vita e una volta avuta la malattia, non si può ripetere... a meno che non apparteniate a quella schiera del 10% di sfortunati, ai quali il virus si risveglia dopo i 50 anni di età!

Il periodo di incubazione varia tra le 2 e le 3 settimane, dopodichè compare una lieve febbre, poi sintomi come mal di testa e malessere generale.... non sottovalutate i sintomi pensando a capricci dei vostri bambini o un principio di influenza! Dopo qualche giorno compaiono delle papule rosa (cioè rilievi della pelle sintomo di un'infiammazione) che successivamente diventano pustole e vescicole, contenenti un liquido torbido chiamato anche pus. In una fase successiva, si seccano e diventano croste destinate a cadere. E' contagiosa dalla comparsa dei primi segnali a livello cutaneo, sia per via aerea (starnuti, colpo di tosse o comunque nell'aria), sia in caso di contatto. L'esantema compare su tutto il corpo, solitamente in maggiore concentrazione su volto e tronco.
Tutto questo processo dura 7-10 giorni e il principale nemico da combattere è il prurito... perché

la varicella provoca molto, molto prurito... soprattutto di notte. L'ideale sarebbe non grattare, anche per prevenire la rottura delle pustole e la conseguente infezione ma... come si fa ad impedire ad un bambino di 5 anni di grattarsi? Per alleviare il fastidio, possiamo trovare in commercio delle polveri, tipo il talco mentolato che dà sollievo (ma attenzione che il bambino non lo inali!!) o si può anche somministrare un antistaminico. Sentite sempre il parere del vostro pediatra.


Vestite il vostro bambino con cotone, meglio se di colore chiaro (colori scuri = più coloranti che potrebbero irritare) e fate in modo che l'ambiente non sia troppo caldo. Via libera al bagnetto, meglio se con acqua tiepida e se volete, aggiungete un pò di amido di riso, che serve a dare sollievo.


Vietato, invece, il sole: oltre a surriscaldare la pelle con conseguente ulteriore irritazione, non serve ad 'asciugare' le crosticine come si potrebbe pensare. I bambini con la varicella, vanno ben protetti dal sole con creme solari o un abbigliamento adeguato.
E a tavola? Il piccolo con lo sfogo di varicella in corso è solitamente inappetente, quindi mamma, non forzarlo a mangiare. Banditi i cibi troppo caldi, troppo conditi o acidi come pomodori, arance ecc. perchè se il piccolo ha pustole all'interno della bocca, può avvertire molto fastidio. Ben venga invece una dieta fresca e .... raffreddata... Yogurt, mozzarella, una pastasciutta in bianco 'soffiata' dalle amorevoli cure della mamma...

Queste sono solo informazione e non sostituiscono il parere del vostro pediatra.

scritto per Linda Zuin




Cavalluccio Marino Felt

A quale bambino non piace il mare e la fantasia che vi ci  abita, cosicchè la festa che prepariamo oggi include un Cavalluccio Marino per decorare la candy bar e non solo

Si el ambiente marino esta en el top de los gustos de tu hijo, te invito a que veas la propuesta de hoy ya que te mostraré como hacer un Caballito de Mar en fieltro para decorar su fiesta



Materiali
Feltro in diverse tonalità di blu 
Fili per ricamo
Occhi per bambole
Imbottitura ovatta
Paletto di legnoTagliamo
Nastri in diverse tonalità di blue
Ago, spille, forbici 
Colla tipo UHU

Materiales
Fieltro en varias tonalidades de azul
Hilazas
Ojo movible
Huata
Palito
Listones tonalidades de azul
Aguja, alfileres, tijeras
Pegamento tipo UHU

 

Stampare e tagliare il diagramma, tagliando ognuna delle parti del Cavalluccio Marino

Descargamos el patrón e iniciamos cortando cada una de las partes de Caballito de Mar


Ci aiutiamo con degli spilli per tenere il modello fisso al feltro

Nos ayudamos de alfileres para sostener el patrón al fieltro




Ai modelli come la pancia, la cresta e la pinna, si aggiungono 1 centimetro alla parte interna, servirà per aderire il pezzo al corpo principale

A las piezas como la pancita, la cresta y la aleta, le agregamos 1 cm hacia la parte interna, esta parte servirá para adherirlas al cuerpo principal




Tagliamo tutti i pezzi

Cortamos todas las piezas




Selezioniamo il filo più adeguato ai colori del feltro

Selecciono el color que se vea mejor para bordar 




Pinna
Ricamiamo per prima questo pezzo; Ho lasciato la base di colore giallo e verde e blu alla vista;  ricamare  con il punto festone la parte verde e blu alla base gialla

Aleta
La bordamos primero para tenerla lista; La base la he dejado en amarillo y las vistas en verde y azul, aplico el punto festón para adherir la parte verde y azul a la base amarilla




Ricamare entrambi i lati

Bordo por ambos lados de la aleta




Corpo
Inizio ricamando per la pancia

Cuerpo
Inicio bordando la pancita




Poi l' aderisco al corpo ricamando sempre con il punto festone entrambi i lati

Luego la adhiero al cuerpo bordando con el punto festón por ambos lados




Continuo ricamando tutto il contorno; aderisco la cresta ricamando dapprima un lato

Continuo bordando por todo el contorno;  adhiero la cresta bordando primero de un lado





Introdurre il ripieno durante la chiusura del corpo

Introduciremos el relleno a medida que vallamos cerrando el cuerpo




Chiudiamo dall'altra parte della cresta

Cerramos por el otro lado de la cresta




Cosi abbiamo concluso la parte del ricamo

Hemos concluido la parte de bordado




Con Colla tipo UHU incolliamo gli occhi e le decorazioni

Con pegamento tipo UHU pegamos el ojo y las otras decoraciones




Finito il nostro Cavalluccio Marino

Nuestro Caballito terminado




Foderare il paletto di legno con nastri in diverse tonalità di blu

Al palito de madera lo forramos con listones en diversas tonalidades de azul


Per realizzare una festa di successo, personalizza il kit stampabile My Little Fish Party   

Para hacer de tu fiesta un éxito, personaliza el Kit imprimible My Little Fish Party, disponible también en español 




Oppure scegli i coordinati per la festa in colore Azzurro

O bien selecciona algunos de los coordinados para fiesta en color Azul       




Piacere di servire alla tua festa
Placer de servir en tu fiesta

Eli R.
Blogger

Tecnica Decapado Tutorial

Oggi ti condivirò come realizzare la tecnica del Decapaggio, applicata a delle delicate casette in legno, con le quali potremo realizare degli  addobbi per decorare eventi come le nascite, Baby Shower ecc...

Hoy te compartiré como realizar la técnica de Decapado, aplicada en unas delicadas casitas de madera, con las cuales podremos realizar arreglos para decorar eventos como Nacimientos, Baby Shower y fiestas para quien guste de las aves



Materiali
Casette di legno
Carta vetrata
Vernici diversi colori
Pennelli
Candela
Nastri


Materiales
Casas de madera
Lija
Ganchos
Pinturasde diversos colores
Pinceles
Vela
Listones


Il decapaggio è una tecnica dove si eliminano strati di pittura, dunque primariamente dovremo dipingere almeno due mani di vernice diverse, per poi raschiare con oggetti affilati o appuntiti la più superficiale

El decapado es un técnica donde eliminamos capas de pintura, entonces previamente tendremos que haber pintados dos capas de colores diversos, para luego raspar con objetos punzantes la más superficial




Il legno, da lavorare, deve essere pronto, quindi levigheremo fino ad ottenere una superficie liscia

La madera debe estar lista para trabajarla, entonces no hay mas que lijarla hasta lograr una superficie tersa




Passi del Decapaggio - Pasos del Decapado


Dipingere una delle case in colore nero, questo sarà il colore base

Pintar una de las casas en color negro, este será el color base
 



e l'altra in bianco

y la otra en blanco




Con un trapano praticare dei fori per creare la porta e il supporto

Con un taladro hacer las perforaciones para crear la "puerta" de la casa y el hueco para colocar el palito donde se apoya el pájaro




Dipingere tutto e lasciare asciugare

Pintar y dejar secar





Una volta asciutte, passare la candela nei punti dove vogliamo togliere lo strato di vernice successivo

Ya seco pasamos la vela por donde deseemos quitar la pintura





Adesso, dipingere di nuovo le casette; quella di colore  base nero, l'ho dipinta di bianco

Ahora, pintar de nuevo las casas; la de color de base negro la he pintado en color blanco





E la casetta di base bianca, l'ho dipinta di rosa delicato

Y la casa de base blanco la he pintado de color rosa delicado




Lasciate asciugare di nuovo

Las dejamos secar nuevamente




Adesso inizia il decapaggio, levigare le zone dove passammo la candela, creando l'effetto vintage

Iniciamos el decapado raspando la pintura superficial en los lugares donde habíamos tallado con la vela, así creamos un efecto vintage




Per il decapaggio della casetta rosa, oltre a levigare, anche ho scavato con un chiodo il legno per creare anche dei graffi che danno l'apparenza di vecchio

Para la casa rosa, además de raspar la pintura, he tallado con una clavo la madera, creando ralladuras que dan la apariencia de antiguo
 



Applicare dei dettagli come il gancetto, el supporto ecc...

Aplicar los detalles a la casa, como el gancho, la posadera para el pájaro, etc

 


In più posiamo aggiugere decoupage, scegliendo carta con fiori delicati

Como detalle extra, a la casa rosa, le he aplicado un delicado decoupage 




Organizza la tua festa con i coordinati per il tavolo disponibile nella Shop  

Organiza tu fiesta con los coordinados para mesa disponibles en la Shop


In colore Azzurro
En color Azul 



In colore Rosa
En color Rosa  



O anche seleziona tra i Kit Stampabili per addobbare la tua festa, come ad esempio  Farfalle Festa Stampabile  personalizzato

O bien selecciona entre los kits imprimibles la Butterfly Party imprimible y personalizada (también en español) 




Piacere di servire alla tua festa
Placer de servir en tu fiesta

Eli R.
Blogger 

Piccoli nemici estivi: le zanzare

Culex Pipiens..... vi dice niente?

E' il nome scientifico della zanzara comune ovvero quell'iniettino esile, nemico delle nostre sere, ma ormai anche delle nostre giornate d'estate.



Di zanzare ne esistono 3000... si avete capito bene TREMILA specie in tutto il mondo. Hanno le ali coperte di squame, il cui sbattere provoca proprio quel fastidioso ronzio capace di svegliarci nel cuore della notte! Si nutrono di nettare e sostanze zuccherine che si trovano in natura ma le femmine sono anche dotate di una proboscide sottile atta a pungere gli altri esseri animali, specie umana inclusa ovviamente, anche oltre i vestiti, per nutrirsi di 2-3 milligrammi di sangue (cioè pari al loro peso) e portare a maturazione le uova prima di deporle. 

Mentre pungono, iniettano la loro saliva che ci fa tanto prurito e in alcuni casi può far sviluppare una reazione allergica che necessita di un consulto medico.
Ma perché alcune persone sono più 'appetibili' per le zanzare? Tutto dipende dal mix di odore del corpo e anidride carbonica che emaniamo durante la respirazione. Certo che chi suda di più emette più odore e quindi è più attraente per le zanzare, le quali non hanno una buona vista, ma percepiscono il bagliore e il calore di una luce accesa.

In commercio esistono mille prodotti antizanzare, dagli spray da vaporizzare sulla pelle, lozioni, cerotti, braccialetti per grandi o piccini, ai dispositivi esterni come candele, zampironi, torce, lampade insetticide, zanzariere alle finestre, sistemi a ultrasuoni, senza dimenticare le penne e le creme lenitive dopopuntura. Per le carrozzine e passeggini dei nostri bambini, si possono acquistare a modici prezzi delle zanzariere universali elasticizzate che si adattano ad ogni modello e garantiscono una protezione in più. Ci sono anche repellenti antizanzare utilizzabili anche sui neonati: chiedete consiglio in farmacia o al pediatra.

Esistono anche dei metodi più naturali, come per esempio circondare le nostre finestre con vasi di lavanda, piante di citronella e geranio, addirittura bruciare la lavanda essiccata o l'essenza. Vestiamoci di colori chiari - le zanzare sembrano attratte dal nero, blu e dal rosso- e limitiamo la carne rossa poichè la sua digestione è più impegnativa e fa innalzare la temperatura corporea, che a sua volta fa emanare più odore.

Ultimo ma non ultimo... adottate un pipistrello! A dirla così sembra strano, ma pensate che un pipistrello arriva a nutrirsi di circa 2000 zanzare a notte. I pipistrelli non costruiscono nidi, ma sfruttano cavità naturali di alberi o i sottotetti, oppure trovano comodo alloggio in una bat box che sicuramente state meditando di comprare (chiedete in ferramenta o costruitene una, basta digitare sul motore di ricerca 'bat box fai da te').

immagine: www.eticamente.net

Attenzione anche ai ristagni d'acqua: la zanzara comune depone le uova direttamente sull'acqua stagnante, quindi rimuoviamola dai sottovasi o cerchiamo di pulire le pozzanghere quando piove; chi ha fontanelle o laghetti in giardino sia consapevole che sta offrendo una culla!
Detto ciò, vi auguro un'estate serena e soprattutto senza zanzare!!


Scritto da: Linda Zuin



Piccola Bisaccia - Tutorial

Vi piacerebbe organizzare una festa a tema con i cavalli, allora oggi vi mostro come fare una semplice bisaccia per regalare agli ospiti

Te gustaría organizar una fiesta a tema con los caballos, bien hoy te mostrare como realizar una alforja sencilla para obsequiar a las invitadas




Materiali
Pelle o vinile similpelle
Corda in pelle o vinile
Punch, forbici
Fili e aghi
Martelo, spicchio e forchetta


Materiales
Piel o vinilo imitación piel 
Cuerda de piel o vinilo
Perforadora, tijeras
Hilos y agujas
Martillo, clavo y tenedor



Realizare lo stampo con le seguente dimensioni e montarle sul vinile, potete seguire queste dimensioni o  duplicarle se si desidera una bisaccia più grande

Realizamos el molde con las siguientes medidas y lo montamos sobre el vinilo, se puede seguir estas dimensiones o duplicarlas si deseas una alforja mas grande




Sottoponere lo stampo con spilli al vinilepremendo con una forchetta segnare una linea tratteggiata che guiderà il nostro cucito; Se si lavora con vera pelle sarò necessario praticare un foro in ogni punto con il chiodo e martello, seconda la durezza della pelle; se invece lavoramo con vinilo non è necessario forarlo perché è un materiale morbido, quindi i segni effettuate direttamente su vinile 

Sujetamos el molde al vinilo con alfileres, presionando con el tenedor marcamos una linea punteada que servirá de guía para coser; Si se trata de piel es necesario perforar cada punto con clavo y martillo dependiendo de la dureza; si se trata de vinilo no es necesario perforarlo porque es un material suave, entonces las marcas se hacen directamente sobre el vinilo




Anche localizzare i seguenti punti per localizzare i fori de cordoncino-manico e praticati prima della cucitura

También ubicamos los siguientes puntos para ubicar las perforaciones del asa y perforamos antes de coser




Cucire dalla parte interna utilizzando la tecnica del cablaggio, come mostrato nella prima immagine, girare e passare il cordone

Cosemos por el revés usando la técnica de la talabartería, como se muestra en la primera fotografía, giramos y pasamos el asa




Ecco il risultato finale, se avete una perlina di legno usarla come chiusura della borsa, la borsa può contenere un regalo speciale per le ospite, trucco, dolci selezionati, piccolo specchio

Aquí el resultado terminado, podemos pasar una cuenta de madera para el cierre de la bolsa, la alforja puede contener algún obsequio especial para las invitadas, maquillajes, dulces seleccionados, un pequeño espejo




Al tema dei cavalli vano bene  i balloni di foraggio, i cavalli...

Al tema de los caballos van bien las pacas de forraje, los caballos...


le bisaccie, ma se questo non è facile di ottenere, allora...

las alforjas,, pero si esto no es fácil tener entonces...





Piacere di servire alla tua festa
Placer de servir en tu fiesta

Eli R.
Blogger

I compiti per le vacanze

Altro che i tormentoni musicali delle hits estive.... il vero e proprio tormento sono i compiti per le vacanze!



Tanto odiati dai piccini, quanto ritenuti necessari dagli insegnanti, rappresentano una routine da vacanza difficile da gestire. La parola d'ordine è organizzazione!
Si spera che i più grandicelli siano in grado di autogestirsi il daffare estivo, ma per i più piccoli devono intervenire i genitori e stabilire delle regole di studio ben precise.

Se il vostro bambino frequenta le elementari, prendete una visione generale della mole di lavoro estivo e studiate a tavolino un piano trimestrale: una, due o tre pagine al giorno, in ordine dalla materia più odiata (così ci si toglie il pensiero) alla preferita, studio solo alla mattina e divertimento al pomeriggio o viceversa, oppure nelle ore più calde così si evita di uscire, in base agli impegni di mamma e papà, nonni, baby sitter o dopo il centro estivo.... ecc.
Controllate di tanto in tanto l'avanzamento degli esercizi fatti, così da verificare se il vostro bambino sa non solo seguire le regole che gli avete dato, ma anche auto-responsabilizzarsi, rispetto i propri doveri di studente. Non puntate il fucile 'fai i compiti!', ma se il bambino oggi è svogliato, ricordiamogli che domani avrà il doppio da svolgere. Teniamo ben presente che si tratta di un ripasso di argomenti già trattati che serve a tenere in allenamento le conoscenze... i bambini apprendono e dimenticano molto facilmente..... 

Non riducetevi i primi di settembre a fare tutto di corsa o peggio sostituirvi a loro per 'fare in fretta'; andranno a scuola con i compiti non svolti e se prenderanno un brutto voto o una nota dalla maestra, questo servirà loro da lezione e impareranno a loro spese che la cosa in futuro non si dovrà più ripetere.
Se invece ormai il vostro bambino è cresciuto e frequenta le medie, l'impresa compiti diventa più ardua. Infatti, in questa fascia d'età già il conflitto interiore preadolescenziale gioca un brutto ruolo. Se ci mettiamo ad imporre di studiare, perdiamo in partenza come genitori. Certo, la vostra supervisione è sempre fondamentale, ma lasciateli fare un pò da soli.. Proponete di invitare un paio di compagni-e di classe per confrontarsi su quanto già fatto e magari studiare anche insieme: un paio d'ore si studio serie e produttive e alla fine un premio: un invito a cena per gli amici, un tuffo in piscina o un super gelato a 3 gusti, panna montata e topping.... Che ne dite?

E quando uno stop totale ai compiti? Certo, se mamma e papà lavorano tutto l'anno e hanno a disposizione solo un paio di settimane estive, mettete un pò da parte le lezioni.... godetevi i vostri figli, giocate con loro, passeggiate e parlate....

Altro consiglio direi scontato, se la famiglia parte per una vacanza, mare o montagna, lago o città d'arte, lasciate perdere i libri.... dovete già pensare alle valige, volete anche ricordarvi zaino, libri, astuccio, quaderni, appunti, calcolatrice, matite ecc....? Discorso diverso, invece, se si tratta di lunghi soggiorni (ad esempio un mese intero) da parenti o amici lontani... Purtroppo, bisogna saper trovare il giusto equilibrio tra doveri e piaceri della vacanza.

L'estate è la migliore stagione per il piacere del Leggere: prima di partire, fate un salto in libreria e scegliete insieme a vostro figlio, lasciandolo anche libero di scegliere, un testo adatto alla sua fascia d'età. Una lettura fantastica e appassionante, scorrete velocemente il riassunto. Da leggere nei momenti di relax, una pagina alla mamma, una pagina al bambino-a. 

Se invece il vostro pargolo-a è un pò più grande, l'insegnante di letteratura gli avrà sicuramente consigliato qualche libro: fateglielo mettere in valigia, gli permetterà di occupare i tempi morti, non annoiandosi e portando avanti il suo 'lavoro'.... si sa che un buon libro sotto l'ombrellone è una compagnia meravigliosa! 

Scritto da: Linda Zuin