CORONE PER LE FESTE NATALIZIE. TUTORIAL

Vivendo in Italia, ho visto che nella mia zona i vigneti rappresentano il panorama autunnale.
Allora, ecco la proposta,  noi approfitteremo dei rami di vite di antichi vigneti o vigneti silvestri, i cui rami crescono lunghissimi.  Ovviamente rispettiamo i vigneti destinati all'uva, e che ancora non è il tempo della potatura (anche i suoi rami non servono in quanto sono più corti).




Ho preparato un tutorial per realizzare corone con rami di vigna, in sostituzione dei vimini, che sarebbe il materiale tradizionale per eccellenza per questo tipo di lavoro; guardandoci intorno profitteremo dei materiali disponibili e a portata di mano.Primariamente dobbiamo scegliere dei rame lunghi e morbidi.


Togliere le foglie, adesso che ancora sono tenere (suggerisco di togliere ogni foglia con cura per non strappare il ramo principale e quei bei ricci perché sono belli da vedere).


Per la piccola corona ci vuole un ramo di circa due metri o più, e si inizia arrotolando tra le dita dalla parte più grossa verso la punta, di tal maniera da lasciare il ramo tenero al finale.


All'ultimo metro, iniziamo a intrecciare all'interno per evitare che la corona si apra.

Custodiamo le coroncine, pronte per essere usate e decorate per Natale. E' importante sapere che questo lavoro si deve fare adesso, perché iniziano a seccarsi e diventare più dure. Posiamo conservare le corone in una scatola di cartone al secco. 
 

Come tip, se si aggiungono più rami alle corone si vedranno più grosse per poterle maggiormente decorare.
Le corone più piccole sono fatte con un solo ramo intrecciato. Per le corone di diametro più grande, si necessitano di più rami uniti fino a raggiungere circa i 4 metri.

Principalmente le corone possono essere usate per Natale come decorazione del tavolo con al centro delle candele, come decorazione per la porta, come base per le candele grandi, fino a creare un “albero di pino” con corone di diametro via via decrescente verso l'alto.

Lo importante e prepararsi con le corone adesso che ancora sono morbide le rame di vite.


Idea originale e foto: Eliza Rocha

TACCHINO DI FOGLIE (TUTORIAL PER BAMBINI)

Abbiamo pensato di fare un facile lavoro con il bambini per il giorno del Ringraziamento o Thanksgiving Day la festa celebrata negli Stati Uniti ogni quarto giovedì di novembre e in Canada ogni secondo lunedì di ottobre.

 Il primo giorno del Ringraziamento viene comunemente fatto risalire al 1621, quando nella città di Plymouth, nel Massachusetts, i padri pellegrini si riunivano per ringraziare "Il Signore" per il buon raccolto. Da quel giorno fino a oggi le famiglie continuano a riunirsi a casa (mai in un ristorante secondo la tradizione) per una cena a base di tacchino.

Ecco una semplice una idea per bambini; che possono utilizzarla per creare degli inviti, segnaposti,o semplici decorazioni per quest' evento.

Materiale necessario:



Foglie secche
Colla
Forbici
Carta colorata (arancione, rosso e marrone)
Occhi finti



Cominciamo ad andare a caccia di foglie secche, che in questo periodo non sono per niente difficile da trovare. Ne prendiamo un po e le puliamo.
Incolliamo le foglie sul cartoncino che vogliamo usare; poi disegniamo  il corpo di un tacchino su un altro cartoncino marrone. Aggiungiamo occhi, becco e zampe e incolliamo tutto !!!



Ed ecco fatto! un lavoreto bello e facile da fare insieme a i vostri bambini.
 

Blogger e Foto: Mariana Glvz.
Idea Originale: www.craftymorning.com

Rosette Strudel. Ricetta.


A continuazione, una carina versione dello strudel originalmente nato a Turchia, ma poi tanto amato dagli ungheresi, austriaci e senz'altro anche dagli italiani! Con queste rosette potete chiudere in bellezza una cena di anniversario, festeggiare il compleanno della nonna, la festa della donna o semplicemente prepararle per condividerle con le amiche o la famiglia in queste giornate umide, accompagnate di una cioccolata calda .

Tempo di preparazione: 45-50 min


Ingredienti per 6 Rosette Strudel:



  • Un rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 2 Mele medie
  • Una manciata di noci o pinoli
  •  Una manciata di uva passa
  • 1 cucchiaino di cannella
  •   ½  cucchiaino di noce moscata
  •  Succo di mezzo limone
  •  ¾ di tazzina d’acqua
  •  20 gr di burro
  • 3 ½  cucchiai di zucchero di canna
Sbucciare le mele e tagliarle a fette, metterle in un piatto fondo o ciotola, aggiungere il succo di limone e un cucchiaio di zucchero di canna, lasciarle insaporire per circa 10 minuti.



In un pentolino, mettere mele, noci, uva passa, lo zucchero di canna restante, cannella, noce moscata, acqua e burro, cuocere per 10 minuti a fuoco medio.  


Una volta cotto, ritirare dal fornello e fare raffreddare.



Tagliare la pasta sfoglia a strisce alte 8cm e lunghe 18-20cm circa, (praticamente si tagliano tre strisce sulla lunghezza e dopo, queste si tagliano a metà).


Su una delle strisce tagliate, posizionare 3 fettine di mele sulla parte superiore (sulla lunghezza), con la parte rotonda verso l’esterno. Dopodiché, con un cucchiaino prendere pochissimo composto e farcire l’interno uniformemente, lasciando qualche mm vuoto alla fine per poter chiudere le rosette. 



Avvolgere piegando la pasta a metà.



Bucherellare la pasta con una forchetta. 



Poi, arrotolare con cura la pasta sfoglia a modo di girella (non per niente si chiama "strudel" che vuol dire vortice!), in questa maniera si formano le rosette. Chiudere per bene gli estremi, magari con un po’ di burro. Procedere nello stesso modo per il resto della pasta.




Preriscaldare il forno a 180 gradi. Collocare le rosette su una teglia rivestita con carta da forno ed infornare per  25-30 minuti. 



Le rosette strudel saranno pronte quando diventeranno belle dorate. Servitele tiepide.
Al prossimo post!





Rosette Strudel
Visto in: Rubrica "Gusto" TG5, solo con mele.
Ricetta, Testo e Foto: Sonia Lopez



CARTELLONE “PARIS”. Tutorial.



Da qualche anno Parigi è di moda come tema tra le amanti del “fatto a mano”, dai ciondoloni alle magliette, dagli orecchini alle borse, forse dovuto all’aria di glamour che ispira questa splendida città e la sua luccicante Torre Eiffel, senza parlare poi dei fantastici dolcetti e pasticcini per cui è diventata famosa.

Da quando che ho ricevuto come regalo una calamita molto carina e scintillante, proveniente da questa città, ho voluto trasferire il disegno ad un oggetto da utilizzare per l’ambientazione di una festa, appunto a tema Paris, come complemento all’ allestimento che comunque si può fare con i prodotti che trovate nel nostro shop, qui il link http://www.tempodifesta.com/shop/oh-la-la-paris-party/ . 




Alle bambine piace molto questo tema per cui, potete divertirvi a fare il Cartellone Paris insieme alle vostre figlie, lasciando a loro la parte decorativa e prendendovi voi il compito di ritagliare facendo la dovuta attenzione. Se vi fatte aiutare però, bisogna considerare che dopo potresti trovarvi a fare i conti con la dispersione del materiale che possiamo dire è un po… appiccicoso! 
(Misura approssimativa del progetto: 83 cm di lunghezza per 40 di altezza).


Occorrente:
-Un foglio di cartoncino nero.
-Un baratollino di glitter (brillantini) argentati.
-Colla vinilica.
-Un piattino di plastica.
-Taglierino.
-Nastro adesivo, meglio se di carta.
-Forbici.
-Due fogli di carta da giornale.
-Matita bianca.
-Modelli di torre e lettere.

Procedimento:
Con l’auto del computer, create la parola PARIS con delle lettere a caratteri grandi circa la misura di un foglio A4. Oppure, stampate i modelli che vi offriamo gratuitamente. Stampate anche il modello Torre Eiffel che potete trovare di seguito sempre gratis. (Trovate i modelli alla fine di questo tutorial).

Ritagliate i modelli.



Collocate il cartoncino nero sul piano di lavoro e posizionate il modello della torre a destra e quelli delle lettere a sinistra, leggermente accavalcati.


Una volta che siete soddisfatti con la posizione dei modelli, fissateli sul cartoncino con un pezzettino di  nastro di carta adesiva (attaccando gli estremi uno con l’altro e togliendone poi  un po di adesivo con le dita in modo di procurare una presa leggera sul cartoncino).




Ricopiate la sagoma sul cartoncino nero con la matita bianca.





Una volta ricopiata la sagoma, staccate con cura i modelli dal cartoncino.



Procedete a ritagliare con le forbici e con il taglierino la sagoma de la torre e della parola Paris.  


A continuazione, mettete i fogli di carta da giornale sotto la sagoma e fissateli possibilmente sul piano di lavoro. Versate un po’ di colla su un piattino di plastica e diluite con qualche goccia d’acqua. Con un pennellino distribuire la colla iniziando dalla torre.


Prima di fare asciugare, spolverate con il brillantini coprendo per bene anche i bordi; se fatte col pennello otterrete un effetto a “graffio” mentre che, se fatte solo con le mani, l’effetto ottenuto e di “galassia” (io ho messo i guanti di plastica per coprirmi le mani perché facevo anche le foto!).


Fatte lo stesso con ogni lettera successiva; per coprire l’ultima lettera, la S, potete provare a ricuperare un po’ di glitter  in giro. Una volta ricoperto tutto con i brillantini, lasciate asciugare per qualche minuto.


Poi staccate la sagoma delicatamente e tiratela su per ritirare l’eccesso di glitter e farlo cadere sul giornale.


Mettete da parte il cartellone e staccate il giornale dal tavolo, girandolo poi su se stesso per ricuperare il glitter rimanente, potrete cosi scartare i residui in modo abbastanza pulito.


Adesso potete attaccare il cartellone sul muro in un posto illuminato, magari vicino a una palla di specchi o a delle lucette a intermittenza, vedrete così brillare il cartellone.
Per avere un cartellone ancora più scintillante, potete coprire con del glitter a granella più grossa e colorata, nastrini, fiocchetti, carta da regalo metallica, paillettes o strass *_*.


E voilà! Commentate se vi è piaciuto, alla prossima!        

*Modelli:
      


Idea originale e foto: Sonia Lopez per Tempo di festa.