Tornare a scuola.... senza traumi!

La campanella a scuola suona!.... Per i nostri bambini la vacanza è stata molto lunga quindi se per un adulto lo stress da rientro si fa sentire dopo 15 giorni, figuriamoci dopo 2 mesi di stop dai libri!
Vediamo come affrontare questo rientro senza troppi traumi!



Dopo aver concesso qualche orario fuori dalla solita routine, ci ritroviamo con dei bambini dormiglioni alla mattina e instancabili alla sera: la prima cosa da fare è cercare di riportare l'ordine nel quotidiano. Cominciamo già nei primi giorni di settembre ad anticipare gradualmente la sveglia mattutina di 10-15 minuti, fino a ristabilire l'orario che maggiormente concilia i nostri impegni (colazione, lavoro, scuola ecc.). Stesso discorso per l'orario serale: anticipiamolo.
Sicuramente anche per quanto riguarda l'alimentazione abbiamo concesso qualche strappo alle regole. Cerchiamo di riportare le sane vecchie abitudini di pasti regolari e sani, intervallati dai giusti spuntini leggeri a metà mattina e metà pomeriggio. Dedicheremo più avanti un articolo alla giusta merenda.
Ora, però, facciamo una piccola distinzione tra il primo giorno di scuola, infanzia o primaria che sia, e il ritorno a scuola.

Per i bambini che non hanno frequentato il nido e che sono stati coccolati da mamma e papà, nonni o baby sitter, il distacco potrebbe rappresentare un trauma che va affrontato con la serenità e la tranquillità dei genitori stessi. Se il bambino percepisce la vostra fiducia nelle educatrici della scuola dell'infanzia, capirà che può fidarsi a sua volta di queste nuove insegnanti. La prima impressione, si sa, è quella che conta: ogni istituto prevede un periodo di inserimento per i nuovi iscritti ed è proprio in questi primi contatti  che si deve far leva su tutti i migliori aspetti della scuola per infondere sicurezza ai nostri bambini.

Per il primo giorno di scuola primaria, invece, acquistate in anticipo l'occorrente con il vostro piccolo... quaderni, zaino, astuccio, grembiule (se previsto dalla scuola), magari del loro personaggio dei fumetti preferito, sempre con la giusta occhiata genitoriale alla qualità-prezzo.... Una volta a casa, mettetevi comodi e insieme proteggete con una copertina i quaderni, mettete le etichette con il suo nome, fategli disegnare dei segna libri, insomma coinvolgete i vostri figli in tutti gli aspetti della preparazione.

Se i bambini fanno qualche capriccio perché già sanno a cosa andranno incontro, esaltate solo gli aspetti positivi della scuola, come imparare tante cose nuove, ritrovare i vecchi amichetti e magari conoscerne dei nuovi, raccontate come era la scuola ai vostri tempi e quanto vi divertivate (anche se avete un ricordo non esattamente idilliaco della scuola, mentite spudoratamente!!) e cercate di infondere sicurezza.



Festeggiate il ritorno a scuola con un piccolo 'rito' -anche casalingo- qualche giorno prima: una cena speciale, magari con il cibo preferito del vostro bambino (sono ammesse pure le schifezze e il cibo spazzatura!), una gita fuoriporta, una serata di coccole extra nel lettone.... in base agli impegni ed esigenze della vostra famiglia.

Quindi, serenità e gradualità sono le parole chiave da tenere ben presente.
Buon anno scolastico!


Testo Linda Zuin
Foto da web



Nessun commento:

Posta un commento