Le malattie esantematiche: la varicella



La varicella è' provocata da un virus molto contagioso, chiamato Varicella Zoster o VZV, della famiglia degli Herpes Virus e colpisce principalmente i bambini tra i 5 e i 10 anni, ma mamma e papà state attenti se non avete già auto la varicella da piccoli o non siete stati vaccinati: il vaccino contro la varicella, infatti, dà copertura per tutta la vita e una volta avuta la malattia, non si può ripetere... a meno che non apparteniate a quella schiera del 10% di sfortunati, ai quali il virus si risveglia dopo i 50 anni di età!


Il periodo di incubazione varia tra le 2 e le 3 settimane, dopodichè compare una lieve febbre, poi sintomi come mal di testa e malessere generale.... non sottovalutate i sintomi pensando a capricci dei vostri bambini o un principio di influenza! Dopo qualche giorno compaiono delle papule rosa (cioè rilievi della pelle sintomo di un'infiammazione) che successivamente diventano pustole e vescicole, contenenti un liquido torbido chiamato anche pus. In una fase successiva, si seccano e diventano croste destinate a cadere. E' contagiosa dalla comparsa dei primi segnali a livello cutaneo, sia per via aerea (starnuti, colpo di tosse o comunque nell'aria), sia in caso di contatto. L'esantema compare su tutto il corpo, solitamente in maggiore concentrazione su volto e tronco.
Tutto questo processo dura 7-10 giorni e il principale nemico da combattere è il prurito... perché

la varicella provoca molto, molto prurito... soprattutto di notte. L'ideale sarebbe non grattare, anche per prevenire la rottura delle pustole e la conseguente infezione ma... come si fa ad impedire ad un bambino di 5 anni di grattarsi? Per alleviare il fastidio, possiamo trovare in commercio delle polveri, tipo il talco mentolato che dà sollievo (ma attenzione che il bambino non lo inali!!) o si può anche somministrare un antistaminico. Sentite sempre il parere del vostro pediatra.


Vestite il vostro bambino con cotone, meglio se di colore chiaro (colori scuri = più coloranti che potrebbero irritare) e fate in modo che l'ambiente non sia troppo caldo. Via libera al bagnetto, meglio se con acqua tiepida e se volete, aggiungete un pò di amido di riso, che serve a dare sollievo.


Vietato, invece, il sole: oltre a surriscaldare la pelle con conseguente ulteriore irritazione, non serve ad 'asciugare' le crosticine come si potrebbe pensare. I bambini con la varicella, vanno ben protetti dal sole con creme solari o un abbigliamento adeguato.
E a tavola? Il piccolo con lo sfogo di varicella in corso è solitamente inappetente, quindi mamma, non forzarlo a mangiare. Banditi i cibi troppo caldi, troppo conditi o acidi come pomodori, arance ecc. perchè se il piccolo ha pustole all'interno della bocca, può avvertire molto fastidio. Ben venga invece una dieta fresca e .... raffreddata... Yogurt, mozzarella, una pastasciutta in bianco 'soffiata' dalle amorevoli cure della mamma...

Queste sono solo informazione e non sostituiscono il parere del vostro pediatra.

scritto per Linda Zuin




Nessun commento:

Posta un commento