Piccoli nemici estivi: le zanzare

Culex Pipiens..... vi dice niente?

E' il nome scientifico della zanzara comune ovvero quell'iniettino esile, nemico delle nostre sere, ma ormai anche delle nostre giornate d'estate.



Di zanzare ne esistono 3000... si avete capito bene TREMILA specie in tutto il mondo. Hanno le ali coperte di squame, il cui sbattere provoca proprio quel fastidioso ronzio capace di svegliarci nel cuore della notte!
Si nutrono di nettare e sostanze zuccherine che si trovano in natura ma le femmine sono anche dotate di una proboscide sottile atta a pungere gli altri esseri animali, specie umana inclusa ovviamente, anche oltre i vestiti, per nutrirsi di 2-3 milligrammi di sangue (cioè pari al loro peso) e portare a maturazione le uova prima di deporle. 

Mentre pungono, iniettano la loro saliva che ci fa tanto prurito e in alcuni casi può far sviluppare una reazione allergica che necessita di un consulto medico.
Ma perché alcune persone sono più 'appetibili' per le zanzare? Tutto dipende dal mix di odore del corpo e anidride carbonica che emaniamo durante la respirazione. Certo che chi suda di più emette più odore e quindi è più attraente per le zanzare, le quali non hanno una buona vista, ma percepiscono il bagliore e il calore di una luce accesa.

In commercio esistono mille prodotti antizanzare, dagli spray da vaporizzare sulla pelle, lozioni, cerotti, braccialetti per grandi o piccini, ai dispositivi esterni come candele, zampironi, torce, lampade insetticide, zanzariere alle finestre, sistemi a ultrasuoni, senza dimenticare le penne e le creme lenitive dopopuntura. Per le carrozzine e passeggini dei nostri bambini, si possono acquistare a modici prezzi delle zanzariere universali elasticizzate che si adattano ad ogni modello e garantiscono una protezione in più. Ci sono anche repellenti antizanzare utilizzabili anche sui neonati: chiedete consiglio in farmacia o al pediatra.

Esistono anche dei metodi più naturali, come per esempio circondare le nostre finestre con vasi di lavanda, piante di citronella e geranio, addirittura bruciare la lavanda essiccata o l'essenza. Vestiamoci di colori chiari - le zanzare sembrano attratte dal nero, blu e dal rosso- e limitiamo la carne rossa poichè la sua digestione è più impegnativa e fa innalzare la temperatura corporea, che a sua volta fa emanare più odore.

Ultimo ma non ultimo... adottate un pipistrello! A dirla così sembra strano, ma pensate che un pipistrello arriva a nutrirsi di circa 2000 zanzare a notte. I pipistrelli non costruiscono nidi, ma sfruttano cavità naturali di alberi o i sottotetti, oppure trovano comodo alloggio in una bat box che sicuramente state meditando di comprare (chiedete in ferramenta o costruitene una, basta digitare sul motore di ricerca 'bat box fai da te').

immagine: www.eticamente.net

Attenzione anche ai ristagni d'acqua: la zanzara comune depone le uova direttamente sull'acqua stagnante, quindi rimuoviamola dai sottovasi o cerchiamo di pulire le pozzanghere quando piove; chi ha fontanelle o laghetti in giardino sia consapevole che sta offrendo una culla!
Detto ciò, vi auguro un'estate serena e soprattutto senza zanzare!!


Scritto da: Linda Zuin



1 commento:

  1. “Adottate un pipistrello” raro sentirlo dire, eppure verissimo. In città purtroppo se ne vedono sempre meno, per tante ragioni e quasi sempre a causa nostra. Io ho la fortuna di abitare in campagna e sono molto affezionato alla coppia di nottole che girano instancabilmente intorno alla mia casa.
    Oltre al pipistrello si potrebbe però dire anche adottiamo un rospo!!! Altro animale ghiotto di zanzare che d’estate ha imparato a stazionare sotto le luci del mio portico che attirano zanzare ed altri insetti.
    Infine come hai scritto tu Linda, per rimanere ai rimedi naturali, penso sia assolutamente da provare l’uso di piante che producono sostanze repellenti per le zanzare su davanzali e balconi. Oltre alle già citate lavanda, citronella e geranio (senz’altro le più note), aggiungerei senz’altro la melissa, il basilico, la menta (tutte della famiglia delle lamiaceae ) e la calendula. Peraltro molte di queste possono essere usate anche in cucina, doppiamente utili quindi!!

    RispondiElimina